MEDIA LITERACY NETWORK

TUTTE LE EMITTENTI DEL NETWORK

NetLit è l'editore del primo network nazionale dedicato all'educazione e alfabetizzazione al linguaggio dei media che intende cogniugare l'esigenza di informazione corretta e certificata  con i linguaggi e le tecnologie utilizzati dalle nuove generazioni. Per la sua diffusione può contare su 5 testate concessionarie e su oltre 21 frequenze in grado di coprire  il territorio nazionale in foramto multicanale: Fm, Am, Dab, Drm, IP, aggregatori e app. Attualmente è  on air in nove tra le più importanti regioni italiane: Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria e Campania e on line  su tutto il territorio nazionale.

Radio Città del Capo

 

La storica Radio di Bologna, punto di riferimento per la città,  Radio Città del Capo - Popolare network trasmette in FM sui 96.300 MHz e in tecnica digitale - Dab - sull'Emila. Tutti i giorni  informazioni, musica e cultura proponendo quotidianamente il  punto di vista di chi ha scelto di stare dalla parte dei più deboli.

 

Nessuno vuole zittire Radio Città del Capo!

 

Relativamente al comunicato apparso sulle pagine web di radio Città del Capo in data 4 gennaio 2020 l’editore intende  precisare  quanto segue:

 

Netlit s.r.l. nell’ambito della propria riorganizzazione editoriale basata sulla promozione della media literacy e dei diciassette obbiettivi dell’Onu per salvare il Pianeta,  intende incrementare l’autoproduzione quotidiana           di notizie relative alla propria linea editoriale passando dalle attuali 6 ore al giorno alle future 15 ore di informazione/intrattenimento cittadinanza, scuola, ecologia, diritti, diseguaglianze,  legalità, pace e giustizia con il massimo coinvolgimento possibile delle giovani generazioni coadiuvate dai propri giornalisti e tecnici saranno le priorità.

Netlit  Srl conferma che a partire dal 1 gennaio 2020 sulle proprie emittenti  verranno messi in onda unicamente programmi realizzati dai propri dipendenti o sotto la loro stretta supervisione 

Gli spazi informativi di agenzie o di network esterni a Netlit  e inseriti nei palinsesti saranno chiaramente indicati in modo da favorire la chiara identificazione della fonte 

Ne consegue che anche Radio Città del Capo con la propria redazione dal 2020 è chiamata a far parte di questo grande progetto e nello specifico, come già peraltro nei fatti avviene da due anni, la redazione  di RCDC sarà specializzata sui temi dell’Ambiente e della Sostenibilità.   

Per queste ragioni smentiamo completamente il comunicato pubblicato sulle pagine del nostro sito da alcuni redattori del centro di produzione di Bologna

  • Non vi é perciò nessuna volontà di “eliminare dalla programmazione i programmi locali di cronaca, politica e cultura e di smantellare la redazione di Bologna” ma al contrario, la linea editoriale è quella di incrementare gli spazi informativi autoprodotti contribuendo alla costruzione di una moderna ed efficiente emittente radiofonica utilizzando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie  (a questo proposito ricordiamo che da poche settimane Radio Città del Capo è ascoltabile in tecnica digitale su Dab e in Onde media su App, su Alexia e con i propri podcast sulla piattaforma spotify )
  • La data del 10 gennaio erroneamente (?) indicata nel cosiddetto comunicato sindacale non si riferisce alla presunta “eliminazione dei programmi locali” ma unicamente  alla richiesta di indicare le proprie preferenze per la implementazione delle nuove redazioni tematiche
  • In tale contesto non sarà azzerato lo spazio che la radio sta dando alla politica regionale, in un momento decisivo per l’Emilia-Romagna… Semplicemente perché almeno fino al 31 gennaio  andrà regolarmente in onda la trasmissione quotidiana “Oltre le mura” condotta da Giovanni Stinco.
  • In riferimento ai 32 anni di storia - che orgogliosamente anche noi rivendichiamo - spiace constatare che l’attuale direttore editoriale dell’emittente non ritenga che, gli spazi informativi locali pubblicati regolarmente nel corso della giornata (gr, traffico, eventi, breaking news, ecc.) siano di pubblico interesse, sostenendo viceversa che un solo programma mattutino di approfondimento dalle  8 alle nove e trenta soddisfi ampiamente la “cronaca locale” di una delle più importanti città italiane come Bologna!

 

  • Vogliamo impedire anche noi che “Radio Città del Capo si trasformi in una delle tante frequenze radiofoniche fantasma che nessuno ascolta e nessuno ricorda” (purtroppo dal 2017 siamo ai minimi storici di ascolto) e certamente la nostra casa editrice farà  “tutto quel che serve per fare in modo che Radio Città del Capo continui a vivere, e resti punto di riferimento per la città di Bologna” e,  speriamo di farlo con il contributo di tutti - anche con il  contributo fattivo di quella minoranza dei lavoratori e delle lavoratrici di Netlit che, oggi, per motivi a noi sconosciuti, non si sono espressi con l’usuale correttezza.

 

Per l’editore Netlit s.r.l. 

Il presidente del Cda Renato Truce

 

 

Frequenze in Onde Medie già attive e di imminente attivazione

 

Torino 540 Khz   
Milano 774 Khz on air      Radio Città del Capo
Milano s. 693 Khz
Genova 801 Khz
Potenza s. 693 khz
Viterbo s. 693 khz
Caltanisetta s.  693 Khz
Napoli 774 Khz  
Savona 1602 khz  on air Radio Jeans Network
Varese 1584 Khz  
La Spezia 1602 Khz  
Carrara 1485 Khz  
Pisa - Coltano 1305 Khz  on air    Radio Città del Capo
Città di Castello 1602 Khz  
Ascoli Piceno 1602 Khz  
L'Aquila 1602 Khz  

Le Scuole

Un canale di comunicazione radiofonica realizzato dagli studenti delle scuole superiori italiane con il coordinamento di giornalisti tutor: oltre 100 laboratori radiofonici - vere e proprie postazioni dotate di tutta la strumentazione necessaria-  posizionati in altrettante scuole superiori italiane da dove vengono confezionate trasmissioni radiofoniche su temi come la legalità, l’ambiente, le pari opportunità, il teatro, la lettura. Più di 600 studenti che partecipano attivamente anche attraverso i percorsi di alternanza scuola-lavoro e su progetti speciali. Ogni giorno dalle 15,30 alle 17,30 i giovani e le scuole partecipano alla realizzazione - in diretta e in contemporanea su tutto il network - della trasmissione ZAI.TIME condotta da Riccardo Cotumaccio e Chiara Di Paola in collegamento con le redazioni di Bologna (radio Città del Capo)  e Torino (HotBlock radio).

Le trasmissioni realizzate con gli studenti

LA PIATTAFORMA MARCONI

Marconi è una piattaforma  editoriale di nuova concezione derivata dall’esperienza pluriennale maturata da Mandragola nella gestione contemporanea di emittenti radiofoniche e televisive (Rai Televideo Regionale, Tv press, Radio Monterosa, Radio Informa,  Radio Zai.net, Radio Jeans e il suo network di Teen web radio)

Netlit attraverso la propria piattaforma Marconi gestisce e coordina il centro di produzione primario di Bologna, i centri di Torino e Roma, le 19 emittenti territoriali e gli oltre 100 presìdi della media literacy collegati :

La  nostra piattaforma sviluppata in house inoltre consente:

  • la gestione editoriale, tecnica e giornalistica delle redazioni territoriali collegate (Roma, Torino, Genova, Milano e Pisa)   
  • Il coordinamento e la gestione delle singole web radio che compongono uno dei più importanti network on-line 
  • la gestione di oltre cento  workstation collegate tramite cloud
  • la gestione condivisa degli archivi
  • la gestione di gruppi di lavoro e il cooperative working
  • la gestione dei   team redazional singoli, generalisti o tematici
  • la messa in onda differenziata dei singoli palinsesti
  • la messa in onda del palinsesto comune oltre la gestione dei canali tematici sia video che audio.
  • La piattaforma inoltre gestisce le funzioni multipiattaforma tramite software sviluppati in house e realizzati dalla nostra PMI innovativa.

Redazione virtuale condivisa

Consente di gestire in fase prototipale avanzata tutte le funzioni necessarie a supporto dell’attività editoriale dei giornalisti, dalle più semplici alle più complesse. 


 

Multipiattaforma

Gestione della diffusione dei contenuti su altre piattaforme tecnologiche, fm, dab, Lcn digitale terrestre, Am, Drm, app, streaming, radio web, Facebook, aggregatori territoriali e social media.

Gestione contributi

Permette ai collaboratori di inviare i contributi alla piattaforma direttamente dal loro device mobile.

Permette alle singole redazioni di intervenire anche autonomamente sulla gestione dei contributi inviati dai collaboratori.

Consente il collegamento in diretta dagli eventi e lo split sulle diversi emittenti.

Inclusione sociale

Tecnologie d’avanguardia a favore della concreta inclusione sociale di quanti presentino disabilità sensoriali o cognitive con l’intento di rendere più agevole l’accesso ai contenuti offerti.

Aggregatore Multicanale

Più che un'applicazione realizzata in linguaggio nativo per consentire a tutti gli ascoltatori di fruire dei servizi proposti dalla nostra multipiattaforma, l'App di Radio Jeans è un vero e proprio aggregatore dedicato a MLnettwork scaricabile gratuitamente dall'apple store per ios  e dal playstore android.

Tramite in nostro aggregatore  si possono ascoltare tutte le emittenti del Network per la media Literacy e i numerosi canali tematici

Radio Jeans

L'App - aggregatore che permette di ascoltare tutte le radio di MLnetwork con tutte le produzioni dei giovani radio-reporter

Chi siamo

NetLit

NetLit è una srl a base cooperativa partecipata dalla coop.sociale Open Group, Mandragola Editrice cooperativa di giornalisti e dalla Media literacy Foundation Sotto i Venti

 

Open Group

E' un’impresa sociale di nuova generazione, le cui parole chiave sono: innovazione, trasversalità e interdisciplinarietà. Se le radici sono nel territorio emiliano romagnolo, la prospettiva è aperta alla dimensione europea.
E’ una cooperativa multisettoriale, opera in ambito sociale ed educativo, nella gestione di patrimoni culturali, oltre che nella comunicazione e nell’informazione. Si occupa di disabilità, dipendenze, integrazione, emergenze abitative, educativa di strada, sostegno scolastico, formazione, inserimenti lavorativi di persone svantaggiate. Coniuga i propri saperi con lo sviluppo del digitale, uno dei temi trasversali a tutte le unità produttive insieme alla comunicazione. Fino al 2017 è stata l'editore di Radio Città del Capo, emittente caratterizzata dall'attenzione all’ambiente, al rispetto e alle battaglie sui diritti sociali e civili, alle nuove cittadinanze, alle proposte culturali e musicali innovative e sperimentali.

La Cooperativa di giornalisti Mandragola Editrice è nata da un’idea innovativa: giornalisti con tanti anni di lavoro alle spalle, giovani redattori, grafici, creativi, informatici, tutti insieme per realizzare servizi di informazione, pubblicazioni peer to peer, campagne di comunicazione per le pubbliche amministrazioni.
Editore del mensile Zai.net, distribuito in tutte le scuole superiori italiane dal 1999, è un progetto articolato in tutti i campi dell’editoria tradizionale ma, proprio perché pensato “al futuro”, all’avanguardia nelle tecnologie. Non solo riviste, pubblicazioni e servizi radiofonici quindi, ma sviluppo di contenuti sui nuovi supporti offline e online, con l’obiettivo di dare piena soddisfazione alla costante evoluzione dei consumi culturali.
Non meno importante l'impegno per assicurare la qualità delle nostre produzioni, proprio perché rivolte in gran parte ai giovani, nella convinzione che la maggiore diffusione della cultura possa contribuire in modo determinante alla crescita e allo sviluppo del nostro paese.

Media Literacy Foundation  Sottoiventi 

Specializzata nella Media Literacy, si pone l’obiettivo di favorire lo sviluppo della coscienza democratica dei giovani, del loro senso civico, di legalità e del loro spirito solidaristico, specie nei confronti dei soggetti più deboli. La sua sede è a Roma. La Fondazione favorisce lo sviluppo delle attività di pubblicazione multimediale, di comunicazione sociale “peer to peer”, di momenti di incontro e partecipazione offerti alle scuole; la fornitura gratuita alle scuole ed ai centri di aggregazione giovanile di pubblicazioni, laboratori giornalistici, strumenti tecnologici innovativi anche per combattere fenomeni come la dispersione scolastica, borse di studio e opportunità per gli alunni più meritevoli e svantaggiati rivolte all’acquisizione di competenze per il mondo dei media.

 

 

In cosa crediamo:

In un nuovo sistema di  sviluppo economico compatibile,  cooperativo e condiviso che metta al centro la salvaguardia dell'ambiente e dei beni liberi in funzione delle generazioni future.

Per questa ragione i 17 obiettivi dell’ONU per salvare l’umanità ed il pianeta sono i principi ispiratori della nostra linea editoriale e guidano costantemente le azioni delle nostre redazioni e dei nostri tutor.  

i nostri valori

 
1) GIOVANI PIÙ CONSAPEVOLI, CITTADINI MIGLIORI
Crediamo che i ragazzi debbano maturare la consapevolezza che una corretta fruizione dell'informazione è alla base di ogni moderna democrazia. Proprio per questo i redattori del Network per la Media Literacy non sono futuri giornalisti, ma lettori evoluti in grado di comprendere i meccanismi dei media.
 
2) SVILUPPO DEL PENSIERO CRITICO
Crediamo che suscitare domande, fornire ai ragazzi competenza critica, offrire lorol'’alfabetizzazione mediale per essere cittadini del XXI secolo, contribuisca a formare il cittadino cosciente, attivo, critico, sociale, creativo.
 
3) CITTADINANZA ATTIVA
Crediamo che i nostri ragazzi, attraverso un attento lavoro critico, possano osservare la società che li circonda, porsi domande e leggere con altri occhi i meccanismi che regolano la vita sociale e politica del nostro Paese.
 
4) IMPARARE FACENDO
Crediamo nel principio del “learning by doing” che ha trovato il suo riferimento teorico nelle scienze dell'educazione e in quelle della comunicazione.
 
5) DIDATTICA ORIZZONTALE
Crediamo che i giovani, attraverso il metodo del peer to peer, possano condividere con i loro coetanei ciò che hanno appreso nella nostra redazione. L'esperienza trasmessa può responsabilizzare il ragazzo che spiega e stimolare lo studente che impara.
 
6)  NETWORKING E DEMOCRAZIA DIFFUSA
Crediamo nella forza del gruppo: i membri della nostra community sono contemporaneamente fruitori e produttori di contenuti; si confrontano e dialogano tra loro attraverso lo scambio partecipativo di informazioni dagli oltre 1.700 istituti superiori collegati in tutta Italia.
 
7) CULTURA DI GENERE
Crediamo nel rispetto dei principi di tolleranza e democrazia e per questo promuoviamo in ogni ambito del nostro lavoro la diffusione di una cultura di genere.
 
8) SOSTEGNO ALLE SCUOLE
Crediamo di dover sostenere le esigenze della scuola nel modo più diretto ed efficace possibile, coinvolgendo le Istituzioni, le Fondazioni e le aziende private più attente al futuro delle nuove generazioni.
 
9) DALLA PARTE DELLA BUONA POLITICA
Crediamo in tutte quelle istituzioni che pongono i giovani al centro delle loro politiche.
 
10)  FUORI DALLE LOGICHE DI MERCATO
Crediamo sia giusto investire le nostre risorse umane ed economiche in progetti educativi in favore delle giovani generazioni affinché possano acquisire consapevolezza del proprio ruolo civile e sociale